Vacuità nel vento

Mentre guardavo in televisione il dolore di una guerra che procede oltre ogni ragione,

ho visto le immagini di un prigioniero iracheno che si lavava il viso con la sabbia del deserto

per poter pregare.

I soldati americani non sapevano se sparargli

o provare a capire cosa stesse facendo.

Poi hanno capito.

Corpi americani, vestiti per la guerra,

giganti tenuti in piedi dal loro cibo sovrabbondante,

di fronte al corpo di un uomo irakeno

che gli parlava con le mani,

con le braccia,

con le gambe inginocchiate al suolo,

hanno capito quelle parole.

Attimi di discontinuità nell’odio,

in cui gli uomini tornano ad essere vacuità nel vento.

Tutti quanti.

Marzo 2003

1 Commento

  1. anonimus

    bello il tuo blog, lo leggo da un po’ e volevo dirtelo.
    un bacio anonimo
    anonimus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *